SAI AMBIENTE - Rimozione amianto

L'esposizione secondaria all'amianto può causare patologie mortali, come l'asbestosi e il mesotelioma pleurico. È importante assicurarsi che l'ambiente domestico e lavorativo siano privi di amianto; nel caso in cui se ne accerti la presenza, la normativa in materia prevede l'obbligo della sua rimozione.
In questo articolo verranno presentate 5 cose da sapere sull'esposizione secondaria all'amianto.

 

1 Cos'è l'esposizione secondaria

L'esposizione secondaria all'amianto si verifica quando ci si trova a stretto contatto con una persona che vive o lavora in un ambiente in cui c'è la presenza del minerale tossico. Le conseguenze sono altrettanto letali per quanti non sono esposti direttamente. Il caso più emblematico è la presenza in casa di un familiare che lavora in un ambiente tossico e porta nell'ambiente domestico, per esempio sui vestiti, le fibre di amianto, mille volte più sottili di un capello. L'amianto è sempre stato utilizzato per la costruzione delle pasticche dei freni delle auto e come isolante.

 

2 Come avviene l'esposizione secondaria all'amianto

I soggetti maggiormente esposti a rischio di esposizione secondaria sono le donne e i bambini. Mogli e figli di persone che lavorano in ambienti contaminati possono inalare le fibre di amianto attaccate ai vestiti, a borse da lavoro e capelli della persona esposta direttamente. L'esposizione secondaria può causare patologie mortali come il mesotelioma pleurico, quando le fibre si depositano nei polmoni o il mesotelioma peritoneale, se le fibre si concentrano nell'addome. Il mesotelioma non va confuso con l'asbestosi: sono patologie distinte, entrambe causate da esposizione secondaria all'amianto.

 

3 Sintomi delle malattie da esposizione secondaria

Quando le fibre si annidano nei polmoni possono provocare l'asbestosi: si tratta di una patologia che si manifesta sotto forma di cicatrici del tessuto polmonare; l'insorgere di queste lesioni impedisce agli organi preposti alla respirazione di espandersi correttamente; la conseguenza più grave della concentrazione delle fibre d'amianto nei polmoni è il cancro. Quali sono i sintomi dell'asbestosi? Il soggetto ha difficoltà respiratorie specialmente sotto sforzo, e in seguito anche a riposo. Uno dei sintomi più comuni è la bronchite cronica, accompagnata da astenia e da un malessere generale dell'organismo. Se la patologia è in fase avanzata vi è la formazione di placche nei polmoni.

Anche i sintomi del mesotelioma pleurico spesso sono subdoli e vengono confusi con quelli di altre patologie meno gravi. Si avvertono fitte nella zona più bassa della schiena, problemi respiratori, spossatezza, febbre, difficoltà nella deglutizione e un calo del peso corporeo. Il mesotelioma peritoneale invece si manifesta con vomito, senso di nausea e dolori addominali.

 

4 Le donne sono più sensibili all'esposizione secondaria

Uno studio pubblicato in seguito a un esperimento condotto negli Stati Uniti ha provato che sono le donne a essere più sensibili all'esposizione secondaria: il 64% si è dimostrato predisposto a subirne le conseguenze, contro il 12% dei soggetti maschili. La conseguenza è che le donne tendono ad ammalarsi maggiormente di patologie come il mesotelioma peritoneale. Inoltre le donne vanno incontro a un periodo di latenza più prolungato; se considerate la facilità con cui i sintomi vengono sottovalutati vi renderete conto della pericolosità dell'esposizione secondaria all'amianto. Anche i sintomi si presentano in modo diverso: lo studio ha chiarito che 8 donne su 10 manifestano la malattia con episodi di tosse, contro la media di 3 uomini su 10. Gli uomini inoltre hanno un tasso di sopravvivenza superiore, nel breve periodo: il 39% riesce a raggiungere l'anno di vita, dopo il manifestarsi della malattia, contro il 27% delle donne.

 

5 La prognosi nei casi di patologie da esposizione secondaria

La forma più comune di cancro, conseguente all'esposizione secondaria all'amianto, è il mesotelioma pleurico; tuttavia non è facilmente diagnosticabile. I sintomi sono comuni ad altre patologie meno serie; soltanto l'anamnesi accurata del medico è in grado di individuare il problema. È sicuramente più semplice risalire alla causa della patologia se il soggetto è direttamente esposto all'amianto, nel caso in cui lavori in un ambiente a rischio. In molti casi di mesotelioma i pazienti non sono consapevoli di inalare fibre di amianto portate nell'ambiente domestico dalla persona che lavora nel luogo contaminato. Un'anamnesi accurata da parte del medico curante è fondamentale per individuare sia l'asbestosi che il mesotelioma; permette ai pazienti di disporre di più opzioni di trattamento della malattia e una prognosi più favorevole.


Informazioni sull'amianto

Cosa bisogna sapere sull'Asbesto e sull'Eternit

In caso di dubbi o perplessità, prima di intervenire su materiali contenenti amianto è meglio essere informati
Leggi Tutto


SAI Ambiente

La SAI Ambiente è la divisione che da anni garantisce standard di qualità ed eccellenza per la riqualificazione dell'ambiente e del territorio.
Leggi Tutto >>

SAI Services

La SAI Services realizza opere edilizie, come rifacimento o realizzazione di nuove coperture. Inoltre offre l’installazione e noleggio di opere provvisionali.
Leggi Tutto >>

SAI Consulting

La SAI Consulting è la divisione che nasce per focalizzarsi alla valutazione dei rischi relativi all’amianto negli edifici, sulle procedure operative ed amministrative di controllo
Leggi Tutto >>